WikiMilano è un progetto sperimentale, in fase beta, gestito da Osservatorio Metropolitano di Milano

non sei un utente registrato: al momento non puoi creare e modificare pagine.

Ada Lucia De Cesaris

(Reindirizzamento da De Cesaris)

Ada Lucia De Cesaris
Ada-Lucia-De-Cesaris.jpg

Vicesindaco di Milano
Durata mandato Assessore dal 15 novembre 2011 - Vicesindaco dal 28 gennaio 2013 –
15 luglio 2015
Sindaco Giuliano Pisapia
Predecessore Maria Grazia Guida (come vicesindaco)
Carlo Masseroli (come assessore all'Urbanistica)
Successore Francesca Balzani
Deleghe Urbanistica, edilizia privata e agricoltura
Ada Lucia De Cesaris (Milano, 20 novembre 1959) è un avvocato ed ex amministratrice locale italiana, già vicesindaco di Milano.

Checked.svg Contenuti verificati da Osservatorio Metropolitano di Milano (6/2/2018)

Biografia

Conseguita la maturità classica col massimo dei voti al Liceo Sperimentale della Bufalotta di Roma, si è laureata in Giurisprudenza con 110 e lode alla Sapienza. Ha svolto con profitto, con una borsa di studio, un master in Sviluppo economico presso l'Unioncamere. Presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza ha iniziato la sua collaborazione con il prof. Sabino Cassese alla terza cattedra di Diritto Amministrativo, proseguita poi per anni in studi e ricerche in particolar modo sui temi ambientali.

E’ entrata quindi a far parte del Comitato Scientifico e del Consiglio di Direzione della Rivista Giuridica dell'Ambiente, edita dalla Giuffrè.

Socia di uno studio legale, è iscritta all'albo degli avvocati di Milano dal 1994 e all'albo dei cassazionisti dal 2006. È specializzata in Diritto amministrativo e Diritto Pubblico Comunitario, con particolare esperienza in

  • Appalti pubblici
  • Project financing einfrastrutture
  • Public utilities
  • Tutela del paesaggio e dell’ambiente
  • Energia
  • Società partecipate
  • Urbanistica e edilizia

E’ stata presidente del Comitato dei Garanti del Comune di Milano. Già docente presso l’Università degli Studi dell’Insubria nella facoltà di Scienze Ambientali per l’insegnamento di Diritto Ambientale, ha svolto attività di ricerca per università ed enti di rilevanza nazionale e regionale in materia di ambiente ed energia.

Impegno politico e istituzionale

A seguito delle elezioni amministrative della primavera 2011 viene nominata, dal nuovo sindaco Giuliano Pisapia, assessore con deleghe all'Urbanistica, edilizia privata e agricoltura del Comune di Milano. Nel gennaio 2013 assume anche l'incarico di vicesindaco ed è per molto tempo considerata una delle figure più "forti" dell'amministrazione comunale.

Il 15 luglio 2015, quindi circa un anno prima dello scadere del mandato amministrativo, rassegna le dimissioni dalla Giunta motivandole pubblicamente con la "grande difficoltà nel condividere gli obiettivi" con la maggioranza di Palazzo Marino. Su varie scelte politiche e amministrative del comparto da lei seguito, infatti, erano emerse differenze di vedute culminate con votazioni in Consiglio comunale in totale distonia con le sue indicazioni e i suoi pareri.[1]

Attualmente è membro del Consiglio di amministrazione di Arexpo, società a prevalente capitale pubblico, partecipata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, dalla Regione Lombardia, dal Comune di Milano e dalla Fondazione Fiera Milano, dalla Città Metropolitana di Milano e dal Comune di Rho.

Pubblicazioni

  • La determinazione autoritativa dei prezzi nel settore energetico, 1989, Bologna.
  • La normativa italiana sulle sostanze pericolose per l'Annuario dell'Ambiente, DOCTER 1990, Milano.
  • La valutazione di impatto ambientale - la direttiva CEE e la normativa italiana, Quaderni della Rivista Giuridica dell'Ambiente 1991, Milano.
  • L'accesso ai documenti amministrativi e l'informazione ambientale, Rivista trimestrale di diritto pubblico n. 3/1991, Roma.
  • La nuova direttiva sulle acque reflue urbane, rapporto realizzato per l'Istituto per l'Ambiente, 1991, Milano.
  • Sistema autorizzatorio in materia di rifiuti industriali: situazione attuale e tendenze a livello nazionale e comunitario, in Rivista Giuridica dell'Ambiente, 4/1991, Milano.
  • La nuova direttiva quadro sui rifiuti e la direttiva sui rifiuti pericolosi, Ingegneria Ambientale, quaderni n. 14/92, Milano.
  • Analisi della direttiva CEE in materia di rifiuti pericolosi, Quaderni della Rivista Giuridica dell'Ambiente, 1992, Milano.
  • Organizzazione e legislazione ambientale in Giappone, Economia Pubblica, n. 4 - 5/92, Milano.
  • L'etichettatura ecologica, esperienze e prospettive, rapporto dell'Istituto per l'Ambiente, 1992, Milano.
  • La Via in Italia è più veloce della legge, in Impresa Ambiente, 9/1992, Milano.
  • Per uno sviluppo durevole e sostenibile: il V programma politico e d'azione della CEE, in IPA-NEWS, 3/1992, Milano.
  • Controllo delle emissioni in atmosfera da impianti industriali, 1992, Milano.
  • Le imprese soggetti attivi della politica ambientale: il regolamento comunitario sull'ecogestione e audit, rapporto IPA, 1993, Milano.
  • La raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani ed assimilabili, 1994, Milano.
  • Diritto Comunitario Ambientale, 1995, Milano.
  • La legge quadro in materia di inquinamento acustico, 1996, Milano.
  • Informazione ambientale tra diritto all'accesso ai documenti amministrativi e segreto industriale, 1997, Milano.
  • La definizione di “rifiuto” nel decreto Ronchi, in Il Decreto Ronchi, AA.VV., Milano 1997.
  • La direttiva Seveso 2. Incidenti da sostanze pericolose e normativa italiana 1998, Milano.
  • Scarichi di Acque reflue: Nuove definizioni, in RGA 6/2000.
  • Internet e la legge, 2001, Milano.
  • Introduzione al diritto dell’ambiente, Milano 2003.
  • Ha inoltre preso parte in qualità di curatore alle pubblicazioni connesse all'attività di valorizzazione delle ricerche promosse dalla Fondazione Lombardia dell'ambiente in materia di qualità dell'aria e di gestione dei rifiuti, 1998, Milano.
  • Ha curato insieme all’avv. Stefano Nespor la redazione del Codice dell'Ambiente prima edizione 1999, ultima edizione 2003, Milano e la redazione del Codice delle Leggi Elettorali, 2001, Milano.
  • Ha predisposto, insieme all’avv. Nespor, un codice dei beni culturali e un volume sull’evoluzione normativa internazionale e europea con riferimento al cambiamento climatico.

Note

Pagine correlate