WikiMilano è un progetto sperimentale, in fase beta, gestito da Osservatorio Metropolitano di Milano

non sei un utente registrato: al momento non puoi creare e modificare pagine.

Ezio Indiani

Ezio Indiani
Ezio-Indiani.jpg

Direttore dell'hotel Principe di Savoia di Milano
In carica
Inizio mandato Luglio 2005
Ezio Indiani (Calvatone, 1952) è un direttore d'albergo italiano, dal 2005 a capo dell'hotel Principe di Savoia di Milano.

Checked.svg Contenuti verificati da Osservatorio Metropolitano di Milano (6/11/2017)

Carriera

La sua formazione professionale inizia presso l’Istituto Alberghiero di Gardone.

Dopo essersi affacciato al mondo lavorativo come cameriere e poi aiuto chef, ad appena 18 anni nel 1973 aderisce ad un Management Trainee Programme promosso da Hilton International, svoltosi presso l’Hotel London Hilton on Park Lane. In seguito al programma, le sue mansioni passano da operative a dirigenziali con il trasferimento, l’anno seguente, all’hotel Hilton Milano seguito dopo poco tempo da un ulteriore spostamento all’interno delle strutture a marchio Hilton, stavolta presso l’Hotel Cavalieri Hilton di Roma in veste di direttore del centro congressi e dell’area ristorazione.

Durante la permanenza a Roma viene anche inviato per la durata di quasi 2 mesi in Canada al Queen Elizabeth Hotel per partecipare al CDI (Career Development Institute), corso di management avanzato della Hilton International.

Desideroso di una maggiore apertura verso l’estero, nel 1987 Indiani accetta l’incarico di Vice Direttore Generale, con particolare focus sul settore ristorazione, presso il Resort Casa De Campo, La Romana nella Repubblica Dominicana, dove resta per un anno.

Nel 1988 ritorna in un’orbita europea assumendo l’incarico di Vice Direttore presso l’hotel Hide Park Londra, oggi noto come Mandarin Oriental London, fino agli inizi del 1991.

Nello stesso anno riceve per la prima volta il ruolo di Direttore Generale presso l’Hotel Eden Roma, dove gli viene commissionato l’importante compito di guidare l’hotel attraverso una temporanea chiusura seguita da lunghi lavori di ristrutturazione totale della struttura. Sotto la guida di Indiani l’hotel Eden Roma viene inaugurato interamente rinnovato nel 1994. Il taglio del nastro lo farà Lady Margareth Thatcher.

Il 1997 segna un ulteriore trasferimento di Ezio Indiani, stavolta sul suolo svizzero, in veste di Direttore Generale dell’Hotel Des Bergues di Ginevra, oggi noto come Four Seasons Hotel Des Bergues, dove resta alla direzione per 7 anni, fino al 2003. In quest’anno inizia l’incarico in veste di Direttore presso l’Hotel Villa d’Este di Cernobbio, sulle sponde del Lago di Como.

Il periodo comasco dura solo 2 anni, fino al Luglio 2005, anno in cui realizza quello che più volte ha definito il suo sogno da bambino di diventare Direttore Generale dell’Hotel Principe di Savoia di Milano, dove sotto la sua guida vengono avviati importanti innovazioni, tra cui la finalizzazione e l’avviamento del ristorante Acanto, oggi sotto la supervisione dell’Executive Chef Fabrizio Cadei e dello chef Alessandro Buffolino e l’apertura del Principe Bar.

Premi e riconoscimenti

  • Premio nazionale Città del Vino 1999: miglior promotore della cultura enogastronomica italiana all’estero
  • 2003. Vincitore dell’Hermès Award, il più importante riconoscimento mondiale destinato ai direttori d’albergo. Primo direttore italiano a ricevere questo premio
  • 2009. Vincitore del Premio Excellent come Manager alberghiero internazionale che ha saputo trasmettere il brand Italia nel Mondo
  • 2010. Riceve la Medaglia d’oro dei Premi Nazionali La Torretta d’argento e La Vittoria Alata
  • 2 giugno 2012. Nominato Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana[1]
  • 7 dicembre 2013. Conferimento dell'Ambrogino d’Oro dall’allora sindaco di Milano Giuliano Pisapia in qualità di cittadino che si è distinto per aver accresciuto il prestigio internazionale della città[2]
  • 26 aprile 2013. Stella al merito del lavoro assegnata dal Presidente della Repubblica e dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali[3]
  • One of the finest Hoteliers Worldwide by 5 stars Diamond Award, The American Academy of Hospitality Sciences

Note

Voci Correlate