WikiMilano - Protagonisti metropolitani è organo ufficiale dell'Osservatorio Metropolitano di Milano

non sei un utente registrato: al momento non puoi creare e modificare pagine.

Bruno Dapei

(Reindirizzamento da Dapei Bruno)

Bruno Dapei
Bruno-dapei-2.jpg

Presidente del Consiglio provinciale di Milano
Durata mandato 24 giugno 2009 –
23 giugno 2014
Predecessore Vincenzo Ortolina

Consigliere provinciale di Milano
Durata mandato 20 luglio 1999
(rieletto nel 2004 e nel 2009) –
23 giugno 2014
Incarichi
Capogruppo Forza Italia - Presidente Commissione Trasporti - Presidente Commissione Affari istituzionali

Presidente del Consiglio comunale di Trezzano sul Naviglio
Durata mandato 27 maggio 1997 –
14 maggio 2001

Consigliere comunale di Trezzano sul Naviglio
Durata mandato 15 dicembre 1994 –
14 maggio 2001
Incarichi
Capogruppo Forza Italia

Vicesindaco di Trezzano sul Naviglio
Durata mandato 2001 –
2001
Sindaco Luisella Pirani

Dati generali
Partito politico Forza Italia
Bruno Dapei, all'anagrafe Bruno Giorgio Dapei (Milano, 8 luglio 1968), è un imprenditore ed ex amministratore locale italiano, direttore generale dell'Osservatorio Metropolitano di Milano, ideatore e cofondatore di WikiMilano.

Checked.svg Contenuti verificati da Osservatorio Metropolitano di Milano (28/11/2017)

Biografia

Vive a Milano con la moglie Barbara e i quattro figli, Matteo, Chiara, Luca e Francesca. Entrambi i genitori, il padre italiano e la madre greca, Renato e Maria, sono nati a Istanbul. La sua famiglia, originaria di Genova, ha fatto parte della comunità levantina prima di Chios (Grecia) e poi di Costantinopoli almeno dal XVII secolo. Suo fratello maggiore Enrico è nato ad Atene. Ha svolto il servizio militare nel Corpo delle Trasmissioni, premiato all'atto di congedo con Diploma di Benemerenza dal Comandante del III Corpo d'Armata Gen. Franco Angioni.

Passione per l'informatica

Fin da giovanissimo, si appassiona ai linguaggi di programmazione informatica. A metà degli anni '80, ai tempi del Liceo, collabora con lo Studio Vit e firma numerosi articoli e rubriche su varie riviste di informatica del Gruppo Editoriale Jackson. Fresco di Diploma di maturità scientifica nel 1987, a diciotto anni, fonda a Milano Alfapi, software house inizialmente ditta individuale e divenuta S.r.l. alcuni anni dopo. Per circa vent'anni ne è direttore tecnico e socio, durante i quali segue progetti di sviluppo per primarie aziende nazionali, e da direttore e docente diversi corsi di formazione professionale. Nel 2007 cede le sue quote agli altri soci.

Attività lavorativa

Dopo i vent'anni in Alfapi S.r.l., si occupa dal 2008 degli aspetti informatici di Chemilabor S.r.l., azienda di produzione nel settore chimico-cosmetico attiva a livello internazionale da circa cinquant'anni, di proprietà della sua famiglia e di cui è anch'egli socio. Tra il 2010 e il 2013 è Amministratore delegato di UPI Editoria e Servizi S.r.l di Roma e nel CDA di Sistema Sviluppo Fiera S.p.a. di Milano. Attualmente è amministratore delegato di WikiMilano Edizioni e di RTecnochem S.r.l..

Attività in ambito istituzionale, politico e sociale

Nel 1987 entra a far parte del Forum International, associazione giovanile europeista presente in numerosi paesi, di cui diviene presidente della sezione italiana per due mandati, fino al 1993.

Nel 1988 aderisce alla Gioventù liberale italiana, nella cui Direzione nazionale è eletto al congresso di Napoli del 1992. In quegli anni è il più giovane componente della Direzione provinciale milanese del Partito Liberale Italiano, e nel febbraio 1994 è delegato al Congresso nazionale che sancirà lo scioglimento del partito. Aderisce quindi a Forza Italia, nelle cui fila si candida alle elezioni comunali del 1994 nel suo comune di residenza di allora, Trezzano sul Naviglio, divenendone capogruppo. Nella primavera del 1997, alle elezioni amministrative anticipate, è il primo degli eletti al Consiglio comunale e ne diviene Presidente.

Bruno Dapei con Papa Benedetto XVI

Nel 1999 è candidato per Forza Italia alle elezioni per il Consiglio provinciale nel collegio di Corsico. Viene eletto grazie alla vittoria di Ombretta Colli e della sua coalizione, e in funzione del risultato, record quel giorno in un comune sopra i 15.000 abitanti, ottenuto a Trezzano sul Naviglio, dove Dapei con il solo simbolo di Forza Italia ottiene il 41,83% dei voti[1]. Di norma il suo partito ottiene molti voti in più alle elezioni politiche rispetto alle amministrative. Alle concomitanti europee Forza Italia ottiene invece nello stesso comune oltre 5 punti percentuali in meno, in controtendenza rispetto a tutti gli altri collegi.

Dapei riceve la Tessera d'Onore degli Amici d'Israele

Terminato il mandato da Presidente del Consiglio a Trezzano sul Naviglio, alle elezioni comunali della primavera 2001 non si ricandida, anche perché ormai trasferitosi a Milano. Rieletta sindaco, Luisella Pirani gli chiede di poterlo nominare vicesindaco per un breve periodo, in attesa di meglio definire componenti e ruoli nella sua nuova Giunta. Nel suo primo mandato a Palazzo Isimbardi, Dapei è il più giovane dei consiglieri provinciali in carica. Inizialmente eletto vice presidente della Commissione Trasporti, ne diviene presidente l'anno successivo e quello dopo assume la presidente anche della Commissione Affari istituzionali (caso abbastanza unico di "doppio incarico"). È inoltre eletto dal Consiglio provinciale rappresentante della Provincia nel Consiglio direttivo del Parco Agricolo Sud Milano e nell'Assemblea nazionale dell'Unione delle Province.

Bruno Dapei con il presidente Silvio Berlusconi e il presidente della Federazione Russa Dmitrji Medvedev

Alle elezioni provinciali del 2004, sempre con Forza Italia, è candidato nel collegio di Milano-Magenta e risulta il primo degli eletti. Durante la presidenza di Filippo Penati, Dapei è capogruppo di Forza Italia. Manterrà il titolo di consigliere anziano del Consiglio provinciale, che per Statuto spetta al primo degli eletti, anche nel mandato successivo (2009-2014), candidato nel collegio di Milano-Duomo per il PDL. Nella prima seduta, è eletto a grande maggioranza Presidente del Consiglio provinciale di Milano, ottenendo a scrutinio segreto due voti in più rispetto alla somma dei consiglieri della sua coalizione. Durante il mandato svolgerà inoltre il ruolo di coordinatore regionale prima, e nazionale poi, dei presidenti dei Consigli provinciali e farà parte del Consiglio Regionale delle Autonomie in rappresentanza delle Province lombarde sia durante la presidenza Formigoni che durante la presidenza Maroni.

Ha fatto parte del Consiglio direttivo di Eurispes Lombardia. Nei due trienni dal 2007 al 2013 (poi non più rieleggibile per Statuto) è eletto dall'Assemblea dei Soci artisti quale membro del Consiglio direttivo della Società delle Belle Arti ed Esposizione Permanente, più comunemente la Permanente di via Turati a Milano. Lo stesso Direttivo lo ha nominato vicepresidente per entrambi i trienni.

Dalla fine del 2014 è direttore generale dell'Osservatorio metropolitano di Milano. È attualmente anche direttore del Premio intitolato alla memoria di Claudio De Albertis.

Curiosità

Spezzone del confronto televisivo finale Sala - Parisi alla vigilia del ballottaggio, Rai3 17 giugno 2016
  • Il 17 giugno 2016, nel confronto televisivo finale sulla Rai tra i candidati sindaci di Milano a due giorni dal ballottaggio, alla domanda della giornalista del Corriere della Sera Elisabetta Soglio su quale persona del "fronte avverso" avrebbero voluto avere dalla propria parte, Beppe Sala ha risposto Bruno Dapei, in quelle elezioni capostaff della campagna di Stefano Parisi.


Pubblicazioni

Note

Pagine correlate